Blog

L’inizio dell’industria delle gru tedesca

È verso il 1812, agli inizi dello sviluppo delle acciaierie Krupp, che due pionieri dell’epoca: Friedrich Wilhelm Harkort ed Heinrich Daniel Kamp s’incontrano.

All’inizio del 1819 Harkort inizierà a reclutare in Inghilterra un gran numero di operai ed ingegneri nonché acquistare numerose macchine di ogni tipo. In autunno fonderà la ditta “Mechanische Werksätte Harkort & Co” con Kamp. Inizialmente non si occuperanno di gru bensì di motori e martelli a vapore nonché sistemi di trasporto per miniere e pompe. Con l’annessione, durante gli anni, di nuovi soci e competenze soprattutto nella lavorazione dei metalli, dopo il 1862 l’azienda sarà rinominata come: Märkische Maschinen-bau-Anstalt diventando una delle aziende più importanti della Germania con una forte componente di vendite a livello internazionale e nel campo delle gru. Una serie di fusioni aziendali tra cui quella con la ditta Ludwig Stuckenholz AG di Wetter porterà  nel 1926 l’azienda ad essere conosciuta a livello mondiale con il nome DEMAG. Ricordiamo che Stuckenholz, dalla stampa tecnica dell’epoca era riconosciuto per l’ottimo design e per la tecnica utilizzata per le attrezzature di sollevamento.

Immagine 1
Immagine 2

Nell’immagine 1 possiamo vedere un miracolo della tecnica realizzato nel 1885 dalla ditta Stuckenholz e piazzato nel porto di Amburgo. Si tratta di una gru portuale girevole con una capacità di sollevamento di 150 tonnellate e un braccio della lunghezza di 17.3 metri. Si trattava della gru girevole più potente al mondo. Questa gru, inizialmente alimentata a vapore, venne elettrificata nel 1925 e resto in servizio per oltre cinquanta anni, fino al 1937 anno in cui venne smantellata. Per il collaudo e i vari test si procedette al sollevamento di un carico complessivo di 200 tonnellate.

Altri articoli